Ida Felicia Noack

Ida Felicia Noack-its whats inside

Ida Felicia Noack-its whats inside

Ancora un viaggio all’estero, nei paesi del Nord Europa per incontrare Ida Felicia Noack.

Chi è Ida Felicia Noack!

Sono nata nel 1981 e cresciuta a Copenhagen, Danimarca. Mi sono diplomata alla Reale Scuola Danese di Design nel 2010. Dopo la mia formazione scolastica ho lavorato come illustratrice e colorista nel mondo dell’animazione. Lavoro regolarmente per la rivista “Danish Women Society” realizzando uno strip cosa che adoro perché ho l’opportunità di combinare l’umorismo con il tema molto importante dei diritti delle donne e la parità tra i sessi. In generale credo che l’umorismo sia la via più breve tra le persone e questo è il motivo per cui cerco di tradurre il mio disegno in cartoon.

Cosa significa per te l’humour graphic?

<Per me, come per molte altre persone, l’humour graphic è un modo universale per comunicare. Spesso le parole non sono necessarie e per questo i confini tra paesi, generi, religioni e così via, diventano più esili quando si comunica attraverso immagini che non hanno bisogno di traduzione>.

Qual è stato il più grande insegnamento da quando fai parte di questo mondo?

<Penso che parlare di più grande lezione contraddica quello che ho appena detto, perché una cosa pericolosa per il mondo del visivo è che ognuno può ‘leggere’, ma le ‘parole’ non vengono tradotte sempre allo stesso modo, per diversità di cultura o di società. Io provengo dalla Danimarca e come molti sanno siamo diventati famosi a causa delle vignette su Maometto. Questo è stato un caso difficile in cui due culture si sono opposte su due temi importanti legati alla libertà di espressione, il rispetto per la religione e il tema della santità. Un fatto che ha colpito tutti cartoonist nel mondo – ma spero che nessuno smetterà di fare humour graphic per paura, ma allo stesso tempo spero che la gente impari a esprimersi con grazia e riflessività – essendo intelligenti e non solo provocatori>.

Cosa pensi di questa manifestazione che per una volta vuole sottolineare il binomio vincente donne e humour graphic?

<Penso che sia una grande iniziativa! Io in verità vorrei che prima o poi si smettesse di parlare di ‘umorismo legato al genere’. Penso che l’umorismo dovrebbe essere per tutti, indipendentemente dal sesso e provenienza. Soprattutto nel mio paese, dove forse esiste ancora un problema culturale per il modo in cui siamo cresciuti. I ragazzi per essere selvaggi, coraggiosi e parlare. Le ragazze perchè siano attente, riflessive e belle. Ok, questa potrebbe sembrare una visione un po’ quadrata, ma riassume in un certo senso il problema. Nonostante la libertà sessuale e la parità tra donne e uomini, per esempio nella “mia” parte del mondo, la maggior parte delle persone crede ancora che le donne non siano divertenti, ma penso che sia solo perché spesso abbiamo paura di parlare nel timore di sembrare volgare>.

In che cosa le donne sono meglio degli uomini?

<Le donne sono divertenti esattamente come gli uomini, devono solo trovare il coraggio e parlare. Ma devo ammettere che non mi piace molto dire che un genere è meglio che l’altro quindi mi limiterò a dire che quello che potrebbe sembrare un ostacolo per noi donne, potrebbe anche essere il nostro vantaggio – abbiamo la possibilità di dire cose anche sottointese rispetto agli uomini. Il mondo non si aspetta che noi gridiamo le nostre opinioni così invece possiamo solo sussurrarle ma avranno lo stesso impatto di un disegno con una bomba nel turbante>.

I was born 1981 and grew up in Copenhagen, Denmark. I’m educated from the Royal Danish school of Design 2010. Post my education I have been working as illustrator and colorist in animation. One of my regular assignments is to make a comic strip for Danish Women Society, and I love this because I get the opportunity to combine humor with the very important topic of women’s rights and equality between the sexes. In general I think that humor is the shortest way between people and that’s the reason why I try to translate my drawing into cartooning.

What does graphic humor mean for you?

<To me as to many other people, graphic humor is a universal way to communicate. Often words are not necessary and therefor the boundaries between countries, genders, religions and so on, they become less when you communicate through images that need no translation>.

What was the biggest lesson you learned since you’ve been part of this world?

<I think biggest lesson is contradicting what i just said above, because the dangerous thing about the ‘visual word’ is that everyone CAN ‘read’ it, and ‘words’ doesn’t always translate the same meaning in every society. I’m from Denmark and as many knows we became famous because of the Mohamed-drawings. This was a case where cultures clashed in an argument (to say the least) about freedom of speech VS respect for whats holy. I think it affected all cartoonist around the world – but i hope that no one will stop drawing in fear, but at the same time i hope that people will express themselves with grace and thought – be clever and not just provocative>.

What do you think of this event that for once wants to emphasize a “winning combination” that is Women and Humour?

<I think that it is a great initiative! I do really wish though, that at some point we will end the discussion about ‘gender related humor’. I think that humor should be for everyone regardless of gender and origin. Mostly, at least in my country, I think the problem lays within the way we are brought up. Boys are thought to be wild, courageous and speak up. Girls are thought to be caring, thoughtful and beautiful. Okay, this might be a bit square, but in the bigger picture and think it sums up the problem. Despite sexual freedom and much equality between women and men in my part of the world, most people still believes that women are not funny, but i think that’s only because we are afraid to speak up in fear of seeming vulgar>.

What women do better than men?

<Women are just as funny as men, we just need to take down the vail and speak up. But I must admit that I don’t really like to say that one gender is better than the other so i’ll just say that what might seem like an obstacle for us women, might also be our advantage – we have the opportunity to say things more implicit than men. The world doesn’t expect us to shout out  our opinions so instead we can just whisper our dirty punch line and it will have just as mush impact as any drawing with a bomb in the turban>.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Women and Humour

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...